Curly  Routine per capelli mossi (2A-2B-2C)

Curly Routine per capelli mossi (2A-2B-2C)

FINALMENTE IMPARERAI COME GESTIRE CORRETTAMENTE I TUOI CAPELLI MOSSI

Se è vero che quando arriva il giorno del wash-day ci sono dei principi generali che valgono per tutti i tipi di ricci, è altrettanto vero che ogni tipo di riccio ha bisogno di accorgimenti particolari e di una manualità specifica. In altre parole: il metodo che va bene per un capello mosso non va bene per un capello afro.

Ecco allora che ti andremo a spiegare qual è la routine corretta per il tuo tipo di riccio.

In questo articolo ti spiegheremo come LAVARE, IDRATARE e ASCIUGARE i CAPELLI MOSSI.

I capelli mossi, o ondulati, sono una categoria molto particolare. Si presentano a forma di S e tendono a diventare più lisci vicino alla cute. Nonostante godano spesso di una buona lucentezza, tendono a perdere velocemente il volume e la definizione.

La corretta routine per i capelli mossi prevede dunque di evitare qualunque gesto che possa appesantirli e dunque lisciarli.

 

Ma partiamo dal PRIMO STEP: IL LAVAGGIO.

Intanto puoi scegliere se lavarli in doccia oppure in vasca, quindi a testa in su oppure in giù. Sappi che a testa in giù il volume dei capelli aumenta mentre a testa in su le radici rimarranno più piatte. Scegli in base alle tue abitudini e al tuo desiderio estetico.

Un accorgimento importante è la pressione dell’acqua. Tenerla aperta al massimo non va bene perché la forte pressione tende a lisciarli. Chiudila quindi un pochino in modo che sui capelli arrivi un getto delicato.

Bagna delicatamente i capelli.

Prima di applicare lo shampoo solleva leggermente le radici: questo ti consentirà di metterlo sul cuoio capelluto e non sui capelli (ricorda che lo shampoo è un prodotto da cute e lì e solo lì va applicato).

Metti un cucchiaio di shampoo su una mano; con l’altra ne prendi un po’ alla volta e lo appoggi sul cuoio capelluto andando a toccare le varie zone della testa: la fronte, le tempie,dietro le orecchie, la nuca e il centro della testa. 

Aggiungi un goccio d’acqua.

Prima di iniziare con i polpastrelli, fai un’emulsione con i palmi aperti delle mani: questo ti consentirà di distribuire uniformemente il prodotto sulla testa e di creare la schiuma.

Ora massaggia bene tutta la testa con i polpastrelli facendo movimenti circolari per almeno tre minuti.

Porta delicatamente lo shampoo su lunghezze e punte, senza aggiungerne altro. Non strofinare i capelli, non portarli sulla testa ma accarezza delicatamente dalle lunghezze fino alle punte.

Sciacqua tantissimo fino ad eliminare ogni residuo di shampoo. 

Ricordati di tenere l’acqua non aperta del tutto. Inoltre, per evitare che il peso dell’acqua li stenda, tieni una mano a coppa. Ora ti spiego: appoggia i capelli sul palmo di una mano leggermente aperta, con l’altra mano smuovi delicatamente i capelli per sciacquarli con cura. 

Uno shampoo solo oppure due? Ce lo chiedete spesso. La risposta è che dipende da quanto spesso ti lavi i capelli. Il consiglio è quello di lavarli due volte a settimana e di fare un solo shampoo ogni volta. 

La tua abitudine è di lavarli solo una volta a settimana? Va bene! In questo caso fai un secondo shampoo e la dose sarà di un cucchiaino.

Li lavi un giorno sì e uno no perché fai sport? Usa poco shampoo ed evita di lavare le lunghezze e le punte

Li lavi tutti i giorni? Cerca di eliminare questa abitudine. Detergere così spesso è dannoso perché non lascia il tempo al sebo, che è fondamentale per la protezione del cuoio capelluto e dei capelli, di riformarsi. Resisti almeno tre giorni legandoli con una coda morbida, o facendo delle trecce oppure uno chignon.

 

Ora che hai finito lo shampoo, passiamo al SECONDO STEP: L’IDRATAZIONE.

E’ il momento di applicare il conditioner.

E’ meglio un balsamo o una maschera? Sono due prodotti con caratteristiche diverse: il balsamo è un idratante dalla consistenza molto fluida la cui funzione principale è quella di districare i capelli, mentre la maschera penetra più in profondità nel capello producendo un’intensa azione idratante e nutriente. 

Scegli in base alle condizioni del tuo capello: se è secco, stopposo, ruvido, è senz’altro da preferire la maschera.

Il prodotto deve essere applicato a capello molto bagnato. La credenza che tamponare i capelli ne favorisca l’assorbimento  è errata. L’acqua è il primo elemento idratante e dunque non va mai tolta! 

Applica una noce di prodotto sulle lunghezze in direzione delle punte evitando di toccare le radici. Poi lavora i capelli a ciocche: per ognuna, passa più volte le dita dalle radici alle punte, dalle radici alle punte, dalle radici alle punte….finchè non sentirai la ciocca ben satura di prodotto e morbida come un’alga.

Dividi la ciocca in due a fai un twist (una sorta di treccia a due ciocche) seguendo la direzione del riccio per favorirne la formazione.

Alla fine avrai formato 7 o 8 twist. Strizzali un po’ per eliminare il prodotto e l’acqua in eccesso. Il capello tenderà a trattenere ciò di cui ha bisogno e ad eliminare ciò che è di eccesso.

Per evitare che si appesantiscano raccoglili con un pinzone o ancor meglio, indossa una cuffia da doccia. 

Ma quanto tempo devo stare in posa? 

Anche questa è una domanda che ci fate spesso in salone. 

La risposta è: almeno cinque minuti. Ma una volta ogni due o tre settimane anche 15/20 minuti, il cosiddetto deep conditioning, per un’idratazione e un nutrimento davvero profondi.

Ed ora il risciacquo. Sempre con la tecnica delle mani a coppa, e con la pressione dell’acqua bassa, sciacqua i capelli per una ventina di secondi concentrandoti soprattutto sulle radici.

L’ideale sarebbe l’uso di acqua tiepida, meglio ancora fredda, perché aiuta a chiudere le squame del capello e a sigillare l’idratazione, rendendo il capello più lucido.

 

Eccoti al TERZO STEP: LO STYLING.

Hai lavato e idratato correttamente i tuoi capelli, è arrivato il momento di asciugarli.

A testa in giù, togli un po’ di acqua in eccesso facendo scrunching: accartoccia le ciocche con il palmo delle mano dalle punte verso le radici. 

A questo punto, rimanendo a testa in giù, applica il prodotto styling.

La scelta dei prodotti styling varia a seconda del risultato che vuoi ottenere: i più adatti per i capelli mossi sono le mousse e i gel. Le prime servono ad aumentare il volume, i secondi a dare definizione.

Se scegli la mousse, mettine una mela dalle radici verso le punte e passa le mani tra i capelli distendendo bene le dita per distribuirla dappertutto. Poi fai scrunch….moooolto scrunch per favorire la formazione del riccio.

Se scegli il gel, sfrega bene la dose di una nocciola tra i palmi, poi distribuisci con le mani chiuse (“a preghiera”) dalle radici alle punte e fai scrunch….moooolto scrunch.

I prodotti di styling possono essere utilizzati in vari modi. Te ne suggeriamo alcuni e ti consigliamo di provarli per vedere qual è quello che piace di più al tuo capello.

  • solo MOUSSE
  • solo GEL
  • MOUSSE+GEL+MOUSSE
  • GEL+MOUSSE+GEL

Ripeti lo scrunch con un asciugamano. 

Probabilmente già lo sai: vietato usare l’asciugamano in spugna di cotone. Assorbe troppa acqua, solleva le cuticole e causa il crespo. Molto meglio un asciugamano in MICROFIBRA. Fai lo scrunch con un movimento deciso delle mani, dalle punte verso le radici. Poi

Tampona delicatamente le radici senza strofinarle.

A questo punto ci sono 2 modi diversi per asciugarli, a seconda del look che vuoi ottenere. 

  1. Porta la testa in posizione verticale, muovi delicatamente le onde nella loro posizione naturale e lascia asciugare all’aria. Questo è il modo per avere onde definite.
  2. Tieni la testa inclinata e imposta il phon col diffusore a media velocità e bassa temperatura. Questo è il modo per aumentare il volume. Muovi spesso la testa durante l’asciugatura, a destra e a sinistra, ma non toccare i ricci finché non saranno del tutto asciutti. Toccare i capelli umidi non solo non aiuta la formazione del riccio ma anzi causa l’effetto frizz, crespo.

A fine asciugatura, se desideri maggior volume, fai il clipping. Se non sai cos’è il clipping, leggi l’articolo sul nostro blog

 

Ora i capelli sono completamente asciutti. Si presentano un po’ rigidi e piatti. Come fare a togliere questo effetto se non ti piace?

A testa in giù smuovi delicatamente le radici con i polpastrelli e fai scrunch su lunghezze e punte.

Un colpo in su deciso et volià…onde morbide, definite, voluminose!

 

Purtroppo però i capelli mossi non riescono a mantenere la forma nei giorni successivi al lavaggio.

Ecco allora un trucchetto per il giorno dopo: inumidisci i capelli con acqua, passa le dita per pettinarli, applica un pochino di prodotto styling e fai scrunh. Asciuga i capelli all’aria o con aria tiepida del diffusore.

Inoltre,  per ridare volume alle radici, puoi fare clipping anche a capelli asciutti: dopo aver applicato le clip scaldale con l’aria calda del phon, poi raffreddale con l’aria fredda e toglile delicatamente. Volume ritrovato!!

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Ma se i tuoi capelli non sono mossi ma ricci o afro, leggi gli articoli dedicati alla curly routine per il tuo tipo di capello.

Lascia un commento

Your email address will not be published.